Multe su strisce blu sono nulle se ticket è solo scaduto? Non proprio…

strisce-blu

Un saluto a tutti i lettori.

Oggi vorrei condividere alcune informazioni che vi potrebbero evitare di gettare al vento una sessantina di euro. Per questo vi chiedo di sostenere il blog con una donazione, anche piccola.

I fatti in breve: il 4 Luglio 2015 ho sostato in Viale Martelli a Pordenone sulle strisce blu, ho pagato € 1,20 di ticket per 45 minuti di sosta che scadeva alle 10:09. Sono tornato all’auto in ritardo e nel frattempo un vigile urbano, passando alle 10:30 mi ha fatto una contravvenzione per divieto di sosta. In internet ho trovato diversi siti (Codacons ed altri) che invitavano a presentare ricorso in quanto sostenevano che le multe di questo tipo sono nulle.

Ho provveduto quindi a fare ricorso ma l’ho perso ed ho dovuto pagare € 78,89. Un affare direte…

Inoltre siccome utilizzavo un’auto aziendale ho dovuto sostenere anche l’onere di notifica del noleggiatore dell’auto di € 12,20. Quindi in totale ho pagato € 91,09.

Questi i fatti in breve. Di seguito trovate tutta la documentazione, l’esito del ricorso, i riferimenti internet e le mie conclusioni. Alcuni dati sensibili sono stati oscurati.

Il ticket

Ticket sosta

La contravvenzione

Avviso 00025823 Comune di Pordenone (oscurata)

I riferimenti internet che avvallano il ricorso

  • codacons.it:

http://www.codacons.it/articoli/strisce_blu_multe_nulle_se_il_ticket_sosta_e_scaduto_267236.html

Codacons_ multe su strisce blu sono nulle se ticket è solo scaduto

  • helpconsumatori.it:

http://www.helpconsumatori.it/servizi/codacons-multe-su-strisce-blu-sono-nulle-se-ticket-e-solo-scaduto/79329

help consumatori multa-strisce-blu-ticket-scaduto-modulo-ricorso-prefetto-1072

  • guidafisco.it:

http://www.guidafisco.it/multa-strisce-blu-ticket-scaduto-modulo-ricorso-prefetto-1072

multa-strisce-blu-ticket-scaduto-modulo-ricorso-prefetto-1072

  • dirittoegiustizia.it

http://www.dirittoegiustizia.it/news/16/0000074326/Paese_che_vai_multa_che_trovi_sulle_strisce_blu_e_non_solo.html?utm_source=RSS_Feed&utm_medium=RSS&utm_campaign=RSS_Syndication

Paese che vai multa che trovi … sulle strisce blu e non solo

  • IlCentro.geolocal.it:

http://ilcentro.gelocal.it/teramo/cronaca/2015/02/03/news/il-giudice-di-pace-annulla-la-multa-sulle-strisce-blu-1.10792052

Il ricorso

Riporto il testo integrale del ricorso:

Al Signor Prefetto della Provincia di Pordenone

OGGETTO: Ricorso al verbale di accertamento n.° <omissis> del 04/07/2015 , per violazione alle norme del Codice della Strada.

Il sottoscritto <omissis> nato a <omissis> residente a <omissis>, in qualità di legale rappresentante di <omissis>

Visto l’art. 203 del D. L.vo 30/04/1992 n. 285 e successive modificazioni, il quale prevede che “il trasgressore o gli altri soggetti indicati nell’art. 196, nel termine di giorni sessanta dalla constatazione o dalla notificazione, qualora non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi in cui è consentito, possono proporre ricorso al Prefetto del luogo della commessa violazione”;

RICORRE

avverso il verbale di accertamento n.° <omissis> del 04/07/2015 per il seguente motivo:

La sanzione non è applicabile in quanto circolari del Ministero dei Trasporti di marzo 2010 citano testuali parole:” Se viene acquistato il ticket, ma la sosta si prolunga oltre l’orario di competenza non si applicano sanzioni ma si da corso al recupero delle ulteriori somme dovute, maggiorate dalle eventuali penali stabilite da apposito regolamento comunale, ai sensi dell’art. 17 c. 132 della legge n. 127/1997. In caso di omessa corresponsione delle ulteriori somme dovute, l’applicazione di questo comune della sanzione di cui all’art. 7 c. 15 del Codice, non è giuridicamente giustificabile, in quanto l’eventuale evasione tariffaria non configura violazione alle norme del Codice, bensì una inadempienza contrattuale, da perseguire secondo le procedure” jure privato rum” a tutela del diritto patrimoniale dell’ente proprietario o concessionario”.

Si allegano i seguenti documenti:

Copia documento d’identità.

Copia del verbale di accertamento e del ticket esposto.

Nota Codacons del 10 marzo 2014.

Il sottoscritto non chiede di essere udito personalmente in merito al ricorso.

<omissis>

(luogo e data)

<omissis>

(firma)

L’esito del ricorso

Esito ricorso al Prefetto di Pordenone (oscurato)

Punti salienti dell’esito del ricorso

<omissis>

CONSIDERATO, in ordine alle censure mosse dal ricorrente che:

– l’ausiliario addetto al controllo delle soste ha confermato che il veicolo sostava in Viale Martelli zona sottoposta a pagamento 10.30 con esposto un ticket scaduto alle ore 10.09;

– l’art. 7/l-f del C.d.S. stabilisce che i comuni previa delibera giuntale possano destinare delle aree sulle quali la sosta è subordinata al pagamento di un corrispettivo, da riscuotere mediante dispositivi di controllo di durata della sosta, per analogia pertanto appare pacifico che chi ha sforato il periodo di sosta prepagato incorra nella sanzione amministrativa di cui al comma 15 del medesimo articolo;

– in merito al parere del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti a cui fa riferimento, si specifica che trattasi di atto non vincolante e privo di forza di legge;

<omissis>

Conclusioni

Per la prefettura di Pordenone quindi il parere del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti è non vincolante, quindi le dichiarazioni di Codacons, HelpConsumatori, GuidaFisco, DirittoEGiustizia sono prive di fondamento.

Cercando poi in internet sulla questione si trovano anche pronunce di giudici di pace che avallano il mio ricorso.

Quello che non ho trovato purtroppo prima di procedere al ricorso erano notizie in senso contrario. Non ho trovato nessuno che dicesse che il ricorso si potesse perdere o che dicesse di aver perso un ricorso analogo. Per questo ho deciso di documentare la mia esperienza, per avvisare chi fosse intenzionato a ricorrere.

Attenzione quindi: potreste perdere il ricorso e dover pagare ben più dei € 17,50 della contravvenzione.

Io ho pagato per chiudere la questione qui, per non dover mettere sul piatto più tempo e denaro di quello che mi è sembrato giusto fare.

Potevo ricorrere al giudice di pace ma avrei speso tante energie e denari da rendere l’operazione sicuramente antieconomica. Inoltre capendo che sul medesimo caso in Italia ci possono essere interpretazioni antitetiche da parte dell’autorità (Prefetto o Giudice di Pace che sia), non vedo perché dovrei rischiare ancora di tasca mia.

Quindi la mia conclusione è che si debba procedere dall’alto e modificare l’articolo 7 del codice della strada.

E’ necessario specificare che nel caso la sosta sia stata pagata ma il tempo sia scaduto, si ha diritto ad integrare il pagamento e non si incorre in sanzioni.

A chiusura chiedo a Codacons e a tutti coloro che invitano a far ricorso, di stigmatizzare il rischio che un eventuale ricorso non venga accolto.

Inoltre invito Codacons e gli altri siti citati ad effettuare una piccola donazione al Blog Bottega Filippo a titolo di risarcimento per il danno che hanno causato con i loro consigli.

Invito inoltre tutti coloro che stavano per fare ricorso ma che dopo aver letto la mia esperienza hanno cambiato idea, a fare una piccola donazione. Grazie!

Se avete notizie diverse o volete aggiungere ulteriori esperienze vi invito a commentare l’articolo.

Aggiornamento

Ho trovato CHIARIMENTI SUI PARCHEGGI A STRISCE BLU E MULTE PER I RITARDI sul sito CGIA MESTRE che getta nuova luce sul dilemma interpretativo. La NOTA DEL MINISTERO e la NOTA INTERPRETATIVA SULLA SOSTA LIMITATA O REGOLAMENTATA E PROTRAZIONE DELLA SOSTA – (STRISCE BLU) a cui si fa riferimento distinguono fra sosta REGOLAMENTATA e sosta NON REGOLAMENTATA. Nel primo caso si applica la sanzione e nel secondo non si applica se la sosta si prolunga oltre l’orario pagato. Nel mio caso la sosta si deve intendere regolamentata? Io non sono riuscito a capirlo e non ho nemmeno trovato la delibera che istituisce la regolamentazione in Viale Martelli a Pordenone. L’esito del ricorso parrebbe comunque indicare che in quell’area la sosta si debba intendere regolamentata.

In merito a questo punto ho trovato anche una nota dell’Adiconsum: Nella nota 53284/15, il MIT elenca tipi di sosta e sanzioni

Voi avete capito se le strisce blu sono aree di sosta regolamentate?

Se lo chiedono anche a Rimini Strisce blu, se il parcheggio è non regolamentato niente multa per divieto di sosta e pare che ogni comune segua una propria personale strada…

Alla luce di questo aggiornamento le mie conclusioni cambiano: in internet sono presenti informazioni non più attuali o comunque incomplete ed è facile seguire interpretazioni superate da nuove disposizioni. Certo è che dopo aver pubblicato una notizia quasi nessuno si preoccupa di aggiornare la pubblicazione quando intervengono fatti nuovi.

A chiusura del mio articolo penso che l’unico consiglio che posso dare è di pagare sempre le sanzioni di piccolo importo. Nel caso si voglia procedere a fare ricorso il tempo necessario a raccogliere una documentazione aggiornata ed esaustiva relativa al proprio caso non è irrilevante. L’alternativa è richiedere il supporto legale da parte di un professionista. In ogni caso tutto questo ha un costo che deve essere giustificato dall’entità della sanzione.

Avrei dovuto evitare di infilarmi in questo ginepraio dal quale solo un azzeccagarbugli di manzoniana memoria poteva salvarmi…

Sostieni il blog con una piccola donazione! Grazie!

2 thoughts on “Multe su strisce blu sono nulle se ticket è solo scaduto? Non proprio…

  1. Mi dispiace della tua disavventura ma penso che non ti sei informato abbastanza. Prima cosa da fare era leggere bene il verbale di contravvenzione e studiarsi l’articolo contestato, dopodichè cercarlo in internet inserendo parametri delimitativi come p. esempio *ricorso art. x del codice della strada 2015*. 2^ cosa, molti siti consigliano di ricorrere al giudice di pace e non al prefetto proprio perchè se il ricorso non viene accolto si paga l’importo raddoppiato + spese varie.
    3* ed ultimo consiglio, studiarsi bene le parole indicate negli articoli ed eventualmente nel verbale di contravvenzione (ho vinto un ricorso grazie alla parola “adiacente” il civico)….
    Ti saluto e ti consiglio di mantenerti aggiornato.
    Luca

    1. Ciao Luca e grazie per aver commentato il mio post.
      Leggendo il tuo commento mi sono reso conto di non aver dato sufficiente enfasi al fatto che ho speso molto tempo per informarmi ed il problema è proprio che l’articolo 7, citato nell’avviso ricevuto, è soggetto ad interpretazioni. Alcuni ritengono che si applichi al caso del ticket scaduto sulle strisce blu, alti no.
      In merito al ricorso al giudice di pace, siccome questo è oneroso e comporta il versamento di 40 euro, quello che ho letto in internet andava in direzione opposta al tuo ragionamento in quanto, in caso di successo, ricorrere al prefetto costa di meno.
      In pratica l’amara constatazione è che su questo tema c’è il caos completo ed informarsi purtroppo non garantisce di capire a priori quale sia l’esito di un ricorso.
      In ogni caso ammetto che per l’importo dell’infrazione conveniva pagare.

      Un saluto,
      Filippo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

79 − = seventy two